Radar chart in Tableau

I radar chart, anche detti spider chart, sono dei grafici che permettono di confrontare più misure allo stesso tempo. Vale la pena ricordare che, essendo questo grafico composto da aree colorate sovrapposte, è importante limitare il numero di osservazioni per far sì che il carico cognitivo legato alla visualizzazione non sia troppo elevato. 

In questo articolo vedremo come costruire questo grafico su Tableau utilizzando un dataset contenente informazioni sui pokémon, in particolare sulle loro statistiche di attacco, difesa, velocità e punti vita.

STEP 1: Preparazione dei dati

Per costruire questo grafico è importante avere dei dati con la seguente struttura: 

Inoltre, se si vuole visualizzare anche il valore massimo che ogni statistica può raggiungere tra i diversi pokémon, è opportuno aggiungere ai dati delle righe contenenti l’aggregazione dei valori a totale (in questo esempio il massimo valore per ogni statistica):

STEP 2: Campi calcolati

Una volta che ci siamo accertati di avere i dati nel giusto formato, possiamo procedere con la creazione dei seguenti campi calcolati:

  1. Angolo: RUNNING_SUM(2*PI()/6) + PI()/2 (diviso 6 in quanto le statistiche presenti in questo database sono 6)
  2. Distanza dal centro: SUM([Value])
  3. X: [Distanza dal centro]*COS(Angolo)
  4. Y: [Distanza dal centro]*SIN(Angolo)

Quando si vuole rappresentare un punto in un piano, questo può essere rappresentato da delle coordinate cartesiane (X;Y) o da delle coordinate polari (raggio*cos(angolo);raggio*sin(angolo)); difatti con questi campi calcolati stiamo individuando il raggio e l’angolo per poter inserire dei punti ad una distanza dal centro (0;0) di nostro interesse in modo tale che siano equidistanti tra loro.

STEP 3: Costruzione del grafico 

Adesso non ci resta che dedicarci alla costruzione vera e propria del grafico:

  1. Inserire Angolo e Statistic in Detail nel pannello dei Marks e computare la table calculation di Angolo rispetto a Statistic
  1. Inserire X in colonne, Y in righe e Pokemon Name in Colour.
    Se fossero presenti molte osservazioni, Tableau attiverà una schermata che permette di prefiltrare i dati selezionando FIlter and then add
  1. Cambiare il tipo di grafico da Automatic a Polygon e settare Angolo come Path
  1. Attraverso le opzioni di Colour diminuire l’opacità per poter visualizzare tutte le aree presenti nel grafico 
  1. Per poter inserire delle etichette è necessario trascinare nuovamente il campo X sulle colonne per poter creare un Dual axis (tasto destro sul campo X di destra > Dual Axis), sincronizzare i due assi X (tasto destro sull’asse > Synchronise Axis) e trasformare il secondo grafico in un grafico Circle

A questo punto sarà possibile inserire Distanza dal centro in Label del grafico Circle e visualizzare i valori di ogni statistica per ogni pokémon in visualizzazione. 

STEP 4: Accorgimenti finali

È possibile personalizzare l’ordine con il quale le statistiche sono visualizzate cliccando col tasto destro su Statistic e selezionando Sort scegliendo così l’ordine desiderato.

Inoltre suggerisco come “tocco finale” di editare gli assi in modo tale che abbiano un range simmetrico (tasto destro sull’asse > Edit Axis… > Range → Fixed) e che riescano a contenere i valori massimi delle statistiche (in questo caso rappresentati dall’osservazione Tot).

articoli correlati

Introduzione alle funzioni DAX in PowerBi

Utilizzando Powerbi è molto semplice capire come utilizzare i valori quantitativi presenti nel nostro dataset. Ad esempio, per creare un grafico che mostri il totale

Tooltip in PowerBI

Tooltip Il termine tooltip nasce dall’unione delle parole ‘tool’, strumento, e ‘tip’,  suggerimento. Il tooltip, letteralmente “consiglio su uno strumento”, nell’ambito della data visualization è

Introduzione ai Custom Visual su PowerBI

Quando si parla di data analisi, le visualizzazioni sono la nostra arma principale per trasmettere concetti e trarre conclusioni.Le visualizzazioni efficaci sono definite da elementi

Filtri in Power BI

I filtri sono tra le funzionalità più utilizzate per dettagliare e personalizzare un’analisi. L’importanza dei filtri in una visualizzazione si può ricondurre alle specifiche esigenze