Tableau vs Power BI – Differenze tra connessione al database: Un esempio con un file Excel.

Tableau e Power BI, due strumenti di visualizzazione e analisi dati, mirano a semplificare la comprensione e la comunicazione degli insight derivanti. Tuttavia, differiscono nel modo in cui vengono generati grafici, tabelle e formule per costruire pannelli agili e pratici.

Entrambi gli strumenti hanno la flessibilità di connettersi a una varietà di server e sistemi di database. Possono essere integrati con server come Microsoft SQL Server, MySQL, Amazon Redshift e molti altri, consentendo agli utenti di sfruttare dati provenienti da diverse fonti per creare analisi significative. Questa versatilità è fondamentale per supportare le esigenze di analisi dati in diversi contesti e ambienti aziendali.

Tra i principali tipi di file e server, troviamo:

 

Tableau:   Power BI:
Microsoft SQL
ServerMySQL
PostgreSQL
Oracle Database
IBM Db2
Amazon Redshift
Google BigQuery
Teradata
Snowflake
Microsoft Azure SQL Database
SAP HANA
SalesforceExcel (archivos locales y en la nube)
Otras bases de datos relacionales y no relacionales
Microsoft SQL7
ServerMySQL
PostgreSQL
Oracle Database
IBM Db2
Amazon Redshift
Google BigQuery
Teradata
Snowflake
Microsoft Azure SQL DatabaseSAP
HANASalesforceExcel (archivos locales y en la nube)
SharePointDynamics 365
Otras bases de datos relacionales y no relacionales  

Inoltre, oltre ai database precedentemente menzionati, è possibile stabilire connessioni tra tali applicazioni e altri database tramite ODBC (Open Database Connectivity) e altri metodi di collegamento.

È importante sottolineare che la possibilità di stabilire tali connessioni può variare a seconda della versione specifica di Tableau o Power BI che stai utilizzando, nonché dalle ultime aggiornamenti e funzionalità incorporate.

Ad esempio, consideriamo la connessione a un file Excel. In Tableau, puoi collegarti direttamente a un file Excel selezionando l’opzione corrispondente e specificando la posizione del file. Successivamente, puoi strutturare i tuoi dati e creare visualizzazioni da essi. D’altra parte, in Power BI, puoi anch’esso collegarti a un file Excel, selezionando l’opzione appropriata e definendo la posizione del file. Una volta connesso, puoi trasformare e modellare i dati prima di progettare le tue visualizzazioni.

Processo in Tableau:

1.Aprire Tableau Desktop e creare un nuovo file di lavoro.

2.Scegliere una fonte di dati:

Una volta aperto il nuovo file di lavoro, vedrai una finestra in cui puoi selezionare una fonte di dati. Qui puoi scegliere il database a cui desideri connetterti. Nella sezione “Connect”, seleziona il tipo di database che stai utilizzando (ad esempio, Excel, Testo, SQL Server, MySQL, ecc.).

3. Aprire il file selezionato, in questo esempio abbiamo scelto un file XLSX e fare clic sul pulsante “Open”.

4. Testare che la connessione sia avvenuta con successo. Comparirà uno schermo come quello sotto riportato e mostrerà la connessione con le rispettive schede nell’area “Sheet”.

In questo caso, abbiamo solo un foglio di dati e non è necessaria alcuna manipolazione dei dati.

5. Database pronto per iniziare a lavorare. In Tableau, la connessione viene visualizzata sulla sinistra dello schermo e suddivide le variabili come “Dimensions” e “Values”

Possiamo trovare diversi tipi di variabili come: Dimensioni (Dimension Fields), Misure (Measure Fields), Date (Date Fields), Parametri (Parameters), Campo Calcolato (Calculation Fields), Aggregazioni (Aggregations), Insiemi (Sets), Gruppi (Groups), Bins (Bande).

Processo in Power BI:

1. Aprire un nuovo documento in Power BI Desktop e connettersi ad una sorgente. Puoi individuare il riquadro nero e fare clic su “Get Data”.

Tuttavia, se per errore chiudi questa finestra verde, non preoccuparti, puoi ancora connetterti a un database tramite File -> Get Data. Oppure, puoi farlo direttamente dalla pagina bianca rimasta aperta quando hai chiuso la finestra verde.

2. Scegliere una fonte di dati. Qui puoi selezionare il database a cui desideri connetterti. Nella sezione Add data to your report, seleziona il tipo di database che stai utilizzando (ad esempio, Excel, Testo, SQL Server, MySQL, ecc.).

In questo caso, utilizziamo lo stesso tipo di file e database utilizzato nell’esempio di Tableau, facciamo clic su “Open”.

3. Caricare i Dati

Nella sezione “Navigator” selezioniamo il foglio di Excel che desideriamo caricare e facciamo clic su “Load”.

4. Database pronto per iniziare a lavorare. In Power BI, la connessione viene visualizzata sul lato destro dello schermo e mostra un’icona relativa al tipo di dato corrispondente a ciascuna variabile.

Possiamo trovare diversi tipi di variabili come:
Testo, Numero, Data/Ora, Booleano, Valuta, Percentuale, Intero, Durata, Posizione, Immagine, URL, Riferimento incrociato, Decimali, Formato data, Variante.

Le principali differenze nel caricare basi di dati tra Tableau e Power BI sono:

Tableau:

  • Può connettersi in tempo reale al database per analisi in tempo reale.
  • Offre l’opzione di creare estratti ottimizzati per un miglioramento delle prestazioni.
  • Le trasformazioni vengono applicate nella fonte originale o negli estratti.

Power BI:

  • Importa dati nel report per un accesso rapido.
  • Utilizza Power Query per trasformare e modellare i dati prima di caricarli.
  • Fornisce archiviazione cloud per insiemi di dati aggiornabili.

La scelta dipende dalle esigenze di analisi e dalle preferenze in termini di prestazioni e manipolazione dei dati.

articoli correlati

Introduzione alle funzioni DAX in PowerBi

Utilizzando Powerbi è molto semplice capire come utilizzare i valori quantitativi presenti nel nostro dataset. Ad esempio, per creare un grafico che mostri il totale

Tooltip in PowerBI

Tooltip Il termine tooltip nasce dall’unione delle parole ‘tool’, strumento, e ‘tip’,  suggerimento. Il tooltip, letteralmente “consiglio su uno strumento”, nell’ambito della data visualization è

Introduzione ai Custom Visual su PowerBI

Quando si parla di data analisi, le visualizzazioni sono la nostra arma principale per trasmettere concetti e trarre conclusioni.Le visualizzazioni efficaci sono definite da elementi

Filtri in Power BI

I filtri sono tra le funzionalità più utilizzate per dettagliare e personalizzare un’analisi. L’importanza dei filtri in una visualizzazione si può ricondurre alle specifiche esigenze